| Solo testo | Alta visibilità | Grafica |
| Sportello unico |


Il C.I.S.AS.

immagine del CISAS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dati identificativi

 

Denominazione Ente Gestore
Consorzio Intercomunale Servizi Socio Assistenziali (C.I.S.AS.)
Ente strumentale dei Comuni di:
Bellinzago Novarese, Borgo Ticino, Castelletto Sopra Ticino, Divignano, Lesa, Marano Ticino, Meina, Mezzomerico, Oleggio, Pombia, Varallo Pombia.

Indirizzo e riferimenti telefonici/fax/e-mail
Via Caduti per la libertà 136 - 28053 Castelletto Sopra Ticino (No)
Telefono 0331/973943 - Fax 0331/938803
E-mail: info@cisasservizi.it

ASL di riferimento
Azienda Sanitaria Locale NOVARA (ASL NO)

Distretto Sanitario di riferimento
Distretto sanitario di ARONA

 

Organi del Consorzio

 

Assemblea Consortile: composta dai Sindaci dei Comuni Consorziati o loro Delegati.
ORGANO DI INDIRIZZO POLITICO per il conseguimento dei compiti statutari

Consiglio di Amministrazione (C.d.A.): composto da tre consiglieri
ORGANO DI indirizzo gestionale e di amministrazione del consorzio

Presidente del Consiglio di Amministrazione
ORGANO DI RAPPRESENTANZA LEGALE DEL CONSORZIO e PRESIDENTE DEL CONSORZIO

Direttore del Consorzio
ORGANO DI GESTIONE E Direzione tecnico-amministrativa del consorzio per l’attuazione degli obiettivi fissati dall’Assemblea e dal C.d.A

Revisore Unico del Conto
ORGANO CHE ESERCITA LE FUNZIONI DI CONTROLLO E VIGILANZA SULLA REGOLARITA’ DELLA GESTIONE economica finanziaria del consorzio

Statuto PDF

Convenzione PDF

 

 

La gestione associata


L’esperienza ventennale di gestione associata dei Servizi Socio Assistenziali da parte dei Comuni, dall’anno 1995 con delega all’U.S.S.L.53, ASL 13 e successivamente attraverso lo strumento della convenzione tra Comuni, ha posto le basi per giungere , nel 2006, alla costituzione del Consorzio di Comuni.
Con questa scelta i Comuni hanno confermato la volontà di offrire ai cittadini del territorio un’organizzazione sovracomunale stabile e duratura in grado di dare continuità all’impronta territoriale dei servizi socio assistenziali nel sostenere la domiciliarità e l’inclusione sociale a favore delle persone in situazione di disagio e marginalità ed in grado di rispondere a bisogni sempre più complessi a cui il Comune singolo non può rispondere.

 

Leggi di riferimento

● Legge 8 novembre 2000, n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”.
● Legge Regionale 8 gennaio 2004, n. 1 “Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento”.
● Piano socio sanitario regionale 2007/2010

I nuovi indirizzi e orientamenti delle politiche sociali previsti dalla Legge Quadro n. 328/00 e L.R.1/04 hanno dato avvio alla importante fase di transizione da servizi assistenziali erogati ai soggetti in situazione di bisogno ad un sistema di interventi di servizi sociali integrati a favore dei cittadini, che trova la sua definizione nel Piano di Zona.

In applicazione alla Legge 328/2000, Il Consorzio, congiuntamente agli Enti Gestori della zona nord della Provincia corrispondenti con il Distretto sanitario di Arona e Borgomanero, ed in collaborazione con l’ASL NO, l’Amministrazione Provinciale ed i Sindacati confederali, ha definito il Primo Piano di Zona 2007/2008 prorogato nel 2009. Nell’anno 2010 sarà predisposto il secondo Piano di Zona

 

Funzioni trasferite al Consorzio da parte dei comuni

Al consorzio è richiesto di esercitare le funzioni comunali di cui all’art.6 l.r.1/2004 e nell’ambito di queste di:
● Programmare e realizzare il sistema integrato di interventi e servizi sociali a rete ed erogare i relativi servizi secondo i principi individuati dalla legge regionale 1/2004
● Realizzare, per quanto di competenza, interventi socio sanitari a rilievo sanitario in integrazione con il settore sanitario
● Esercitare le funzioni precedentemente gestite dalle Province, ai sensi dell’art. 8 comma 5 della L.328/00 e dell’art.5 della L.1/2004
● Realizzare il percorso di costruzione del piano di zona attraverso il coinvolgimento e la collaborazione dei soggetti pubblici e privati che concorrono alla rete dei servizi
● Esercitare le funzioni amministrative relative all’organizzazione e gestione delle attività formative per gli operatori dei servizi sociali (art. 17 L.R.1/2004)
● Esercitare le funzioni amministrative relative all’autorizzazione , alla vigilanza e all’accreditamento dei servizi sociali e delle strutture residenziali o semiresidenziali
● Adottare la carta dei Servizi art. 24 L.R.1/2004
● Garantire l’informazione sui servizi attivati

 

 

Principi

 

Centralità della persona
La persona umana è l’unica ed irripetibile ed è inserita in una trama di rapporti significativi che ne possono incrementare la responsabilità e la capacità.

 

Eguaglianza
Le regole che determinano il rapporto fra cittadini e Consorzio sono uguali per tutti a prescindere da sesso, razza, religione ed opinioni politiche.

 

Imparzialità
Si adottano, nei confronti delle persone, criteri di obiettività, giustizia e imparzialità. L’erogazione dei servizi non è condizionata da pregiudizi o da valutazioni improprie.

 

Continuità del servizio
Si garantisce l’impegno ad erogare i servizi in maniera continuativa e senza interruzioni improprie, garantendo la massima continuità delle prestazioni.

 

Rispetto della dignità umana
Si assicura il rispetto della dignità delle persone, la riservatezza, il diritto di scelta e la tutela della privacy.

 

Efficacia ed efficienza
Il C.I.S.AS. si impegna a perseguire l’obiettivo del continuo miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dei servizi, adottando le soluzioni tecnologiche, organizzative e procedurali più idonee al raggiungimento dello scopo.

 

Professionalità
Le capacità professionali, l’esperienza e l’aggiornamento continuo del personale, costituiscono requisiti indispensabili nel processo di erogazione del servizio proposto al minore.

 

 

Linee operative del Consorzio

Attivare processi di prevenzione e contenimento del disagio sociale e promuovere il benessere di tutti i cittadini quelli in particolare a rischio di marginalità.
● Privilegiare i servizi e gli interventi che mantengano la persona all’interno dell’ambiente familiare e sociale;
● Integrare e coordinare gli interventi socio assistenziali con i settori sanitari, educativi, della formazione professionale, del lavoro, della casa e giudiziari;
● Rispettare l’ autoderminazione della persona e favorire processi di empowerment individuale e comunitario
● Promuovere processi di inclusione sociale
● Valorizzare il ruolo delle organizzazioni di volontariato e delle cooperative sociali e promuovere la sussidiarietà
● Favorire tutte le forme di integrazione tra cittadini di culture diverse.
● Leggere e comprendere i fenomeni sociali con il contributo degli attori del territorio per sostenere processi di contrasto al disagio.
● Sviluppare processi di partecipazione dei cittadini

 

 

 

 

 

 


Comuni


Comuni aderenti al Consorzio C.I.S.AS. di Castelletto Sopra Ticino:

Bellinzago Novarese
Borgo Ticino
Castelletto Sopra Ticino
Divignano
Lesa
Marano Ticino
Meina
Mezzomerico
Oleggio
Pombia
Varallo Pombia

Amministrazione trasparente

Amministrazione Trasparente